Cerca nel sito:

NOTIZIE - DALLA CITTÀ


Elcon non abiterà a Castellanza

Giunge dalla Commissione Tecnica di Regione Lombardia il no definitivo che chiude la lunga vicenda del progetto di trattamento rifiuti a Castellanza

Castellanza (gam) - Elcon non abiterà a Castellanza, l'impianto di trattamento di rifiuti liquidi industriali non si farà. Dopo un iter burocratico aministrativo durato oltre un anno,  Regione Lombardia nella commissione tecnica riunitasi questa mattina (mercoledì 25 settembre) ha espresso "parere sfavorevole in ordine alla compatibilità ambientale del progetto di impianto di trattamento di rifiuti proposto dalla società Elcon Italy s.r.l. nel Comune di Castellanza".

Le motivazioni di tale pronunciamento sono state illustrate dall'assessore regionale all'Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile Claudia Maria Terzi che, riporta Lombardia Notizie sul sito della Regione, ha valutato "Troppe e troppo importanti le criticità ambientali emerse durante l'istruttoria, molte delle quali opportunamente segnalate dagli Enti locali, nonché dai rappresentanti di Comitati e Associazioni operanti sul territorio, ai quali è stata data possibilità di partecipare alla sessione della Conferenza dei Servizi dello scorso 18 giugno e che ringrazio per la concreta collaborazione". In particolare, ciò che ha fatto pendere l'ago delal bilancia della fase conclusiva del'istrutoria - dopo richieste e integrazioni progettuali - è stata la lacunosità e l'incongruenza del progetto, che lasciava troppi coni d'ombra su criticità decisive.

Tale valutazione recepisce quanto gli enti locali, tra cui il Comune di Castellanza, vanno dicendo già dalla prima conferenza di servizi del luglio dello scorso anno. Oltre all'inopportunità sul piano politico strategico infatti, la carenza della documentazione prodotta e l'insufficienza delle risposte progettuali alle criticità sollevate è stata la leva che ha scardinato il meccanismo trcnico amministrativo. Tant'è che la seconda conferenza di servizi del 18 giugno aveva concluso i propri lavori raccogliendo "un parere fortemente negativo sul progetto di impianto di trattamento di rifiuti speciali proposto dalla ditta Elcon Italy srl" da parte di tutti i membri del tavolo di discussione.

Che l'esito finale non si sarebbe poi discostato molto era del resto facilmente prevedibile, tant'è che la stessa Elcon, al di là delle dichiarazioni stampa susseguitesi nei mesi scorsi, due giorni fa aveva inviato in Regione una lettera con cui chiedeva la sospensione del procedimento ufficialmente per consentire, si legge el documento, "l’individuazione di un percorso utile alla realizzazione dell’impianto secondo un approccio condiviso approfondendo allo stesso tempo il tema localizzativo e le scelte tecnologiche". Cioè: lasciamo perdere Castellanza; prima che ci diciate voi di no.

Entusiastica la reazione del Comitato ValleOlonaRespira, che sul proprio blog, in un post intitolato "Ce l'abbiamo fatta! (almeno per ora)", commenta "per ora diciamo solo un grazie a tutti i cittadini che si sono impegnati  in questa battaglia.Lo sappiamo bene, non è finita. Vi sono altre cose per cui lottare: la bonifica del polo, la riconversione. Oggi però godiamoci questa vittoria".

© riproduzione riservata
 
Pubblicato il 25/09/13 - 1269 visualizzazioni
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di piu` o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.