Cerca nel sito:

NOTIZIE - DALLA CITTÀ


I quattro richiedenti asilo ospiti dell’appartamento della parrocchia aderiscono all’Albo dei Volontari Civici

E’ ormai ufficiale, Alex dalla Nigeria, Yankhouba dal Senegal, Joseph dal Ghana e Alì dal Pakistan hanno dato la loro disponibilità a svolgere attività di volontariato a favore della collettività

Castellanza - Hanno infatti presentato domanda di iscrizione all’Albo dei Volontari Civici, mettendosi a disposizione dell’Ufficio tecnico, per piccole manutenzioni e cura del verde pubblico.

In un periodo in cui nel dibattito pubblico, il migrante è visto solo come un problema, questa disponibilità permette di introdurre spunti di riflessione e di innescare un processo di cambiamento nella percezione comune dei richiedenti asilo e dei rifugiati.

La collaborazione attivata con la parrocchia e con la cooperativa sociale Intrecci, che segue da vicino i ragazzi accolti, dimostra che è possibile per le persone straniere, se inserite in contesti capacitanti, contribuire al bene e al benessere della comunità che li accoglie. Ma soprattutto che il volontariato è il luogo in cui matura e si costruisce un “prendere parte” che realizza un “essere parte”.

Infatti, è solo in seguito alla sperimentazione di un senso di appartenenza che può nascere il desiderio di contribuire, mettendoci del proprio, a favore di qualcosa – un gruppo, un quartiere, un comunità – di cui ci si sente o si desidera far parte.

L’avvio di questa esperienza di volontariato rappresenta sicuramente un’occasione importante per la nostra comunità cittadina, perché favorisce scambi interculturali, spazi di conoscenza e di reciproco riconoscimento dentro relazioni paritarie e di mutua crescita.

In questa società sempre più frammentata, e per questo disorientata e impaurita, pensiamo sia fondamentale accogliere la sfida offerta dalla disponibilità di questi quattro ragazzi tentando di costruire una convivenza più matura, integrata e dunque più forte.

Questo significa provare a scommettere su ciò che ci unisce piuttosto su ciò che divide: uno stesso desiderio di essere riconosciuto, di appartenere e di partecipare.

L’esperienza di volontariato civico, promossa dall’Amministrazione Cerini anche a Castellanza, può essere il terreno in cui coltivare insieme questo comune desiderio.

Riteniamo, infine, che tali azioni vadano valorizzate e riconosciute poiché sono esempi reali di cittadinanza attiva e partecipazione alla vita collettiva, senza distinzione fra italiani e stranieri. Questo modello di integrazione, unito alle libere disponibilità ad attività di volontariato, ci allontanano dai luoghi comuni portandoci a riflettere sulla cura che tutti dovremmo avere della nostra città.

© riproduzione riservata
 
Pubblicato il 19/07/18 - 158 visualizzazioni
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di piu` o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.