Cerca nel sito:

TERZA - CINEMA


Cinema d'estate

Black Panther


Castellanza - Nuovo appuntamento per il cinema d'estate a Castellanza che martedì 17 luglio alle 21,30 intratterrà gli spettatori del cortile di Palazzo Carminati Brambilla con la pellicola Black Panther.

Dopo la morte di suo padre, il giovane principe T'Challa  torna a casa per salire sul trono di Wakanda, un'immaginaria nazione nel continente africano, isolata ma tecnologicamente avanzata, e ricca di giacimenti di vibranio. Quando due pericolosi nemici cospirano per portare il regno alla distruzione, T'Challa è pronto a raccogliere l'eredità di suo padre e a indossare gli artigli di Black Panther. Non è la prima volta che il giovane re usa l'identità segreta per fare giustizia: nell'epica battaglia tra lo sprezzante Stark e il cocciuto Rogers, aveva già messo le sue abilità al servizio di Iron Man, in cerca dello scontro diretto con il Soldato d'Inverno. Questa volta, invece della fragile alleanza con la parte più facoltosa dei Vendicatori, T'Challa fa squadra con l'agente della CIA Everett K. Ross, completamente ignaro delle ricchezze locali, e con il corpo speciale wakandiano delle Dora Milaje, tra le quali figura anche l'amata Nakia . Come Freeman, apparso in Civil War, anche Andy Serkis torna nei panni del trafficante d'armi Ulysses Klaue, conosciuto in Avengers: Age of Ultron.

Wakanda rappresenta una realtà molto interessante, isolata dal mondo, tanto che all’esterno risulta uno dei paesi più periferici e poveri della terra, ma che nasconde in realtà grande ricchezza e sviluppo tecnologico, legati alla scoperta di giacimenti di una sostanza pregiatissima, il vibranio. Un riferimento politico a un mondo, il personaggio è nato nel 1966, in cui, dopo soli cinque anni dal cosiddetto anno africano, con una dozzina di nuove nazioni diventate indipendenti, iniziava già a soffrire l’altro lato degli eroici leader dell’indipendenza. Iniziava la maledizione di molte realtà ricche di risorse naturali, ma rimaste disperantemente povere nella base sociale della sua piramide. Wakanda, poi, ha una struttura militare in cui le donne guerriere giocano un ruolo decisivo, come dimostra la stessa guardia personale del re, e vecchia fiamma di T’Challa.

La sfida di quest’ultimo, nata e destinata a giocarsi il futuro in un misero playground di Oakland, è quella di aprirsi al mondo, di condividere uno sviluppo tecnologico per troppo tempo custodito egoisticamente, aprendosi al mondo, diventando anzi nazione leader per un nuovo dialogo globale in cerca della pace. È questo lato più geopolitico, ben più dei soliti intrighi di successione nei corridoi di palazzo, a interessare, se non si sta troppo a sottolineare il goffo e anacronistico inserimento della CIA come agente di cambiamento positivo. Si nota un lavoro accurato di Coogler e compagni sulla cultura africana, sempre sia possibile sintetizzare una realtà così variegata, con il rischio del folklore caricaturale sempre in agguato. Per la lotta alla successione, l’eredità paterna e di un passato ancestrale, il superamento delle proprie paure per accettare le responsabilità del proprio ruolo nella società, i riferimenti a Il re Leone sono piuttosto evidenti, con almeno una chiara citazione visiva. Questo con un riferimento primigenio, in entrambi i casi, che è naturalmente quello dell’Amleto e di altri lavori di Shakespeare.

Nel complesso Black Panther ha il pregio di prendersi le sue pause, senza l’urgenza di correre frenetico, anche a costo di qualche lungaggine di troppo, pur dando la sensazione di tenere troppo a freno la furia selvaggia del suo supereroe, anestetizzato per il bene del pubblico family. Rimangono interessanti riferimenti sociali e politici, particolarmente attuali anche oggi, così come la costruzione di un mondo affascinante e per una volta vergine o quasi, che ci permette di uscire dai terreni del già visto.

(www.comingsoon.it)



In caso di pioggia la proiezione si terrà al teatro di via Dante. Il biglietto di ingresso è di 3,50 euro (ridotto 2,50 euro); info ufficio Cultura tel. 0331 526.263 e-mail cultura@comune.castellanza.va.it.

© riproduzione riservata
 
Pubblicato il 11/07/18 - 41 visualizzazioni
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di piu` o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.